News Ponant

Fincantieri: firmato con Ponant il contratto per la costruzione di due nuove ammiraglie destinate a Paul Gauguin Cruises

Ponant e l’italiana Fincantieri hanno ufficialmente finalizzato e firmato il contratto relativo alla costruzione di due unità di nuova generazione destinate al luxury brand operante nel Sud Pacifico Paul Gauguin Cruises, recentemente entrato a far parte del Gruppo Artemis al quale fa capo il luxury brand d’oltralpe.

Costruite da VARD, società norvegese controllata di Fincantieri, le prossime ammiraglie del brand saranno un’evoluzione dell’attuale Explorer Class di Ponant: attese entrambe al debutto nel 2022 vanteranno una stazza lorda pari a 11.000 tonnellate e saranno in grado di ospitare al proprio interno fino a un massimo di 230 passeggeri.

Progettate secondo le più avanzate tecnologie disponibili in tema di protezione ambientale, le prossime luxury ship di Paul Gauguin Cruises vanteranno motori a propulsione ibrida caratterizzati dall’apparato batterie più grande del comparto che consentiranno, tra le altre, operazioni di ancoraggio virtuale per la preservazione dei fondali marini della regione.

In particolare, affinché le navi abbiano il minimo impatto possibile sull’ambiente, il loro eco-design sarà ispirato da tre obiettivi: l’ottimizzazione energetica per garantire un consumo minimo, che comprende il perfezionamento dell’idrodinamica dello scafo, equipaggiamenti più efficienti, e un innovativo sistema di recupero dell’energia; la riduzione del rumore subacqueo; il miglioramento del trattamento dei rifiuti con la certificazione “Cleanship Super” dell’ente indipendente Bureau Veritas.

In passato Fincantieri ha già contribuito alla crescita della flotta Ponant con la costruzione presso lo stabilimento di Ancona di quattro unità: Le Boréal, L’Austral, Le Soléal e Le Lyrial. VARD ha invece provveduto alla realizzazione tra il 2018 e il 2019 di quattro unità Explorer Class e consegnerà le ultime due della serie nel corso del prossimo anno. Il primo rompighiaccio di lusso a propulsione ibrida sarà invece consegnato, sempre da VARD, entro la fine del 2021.

#DDB #Diariodibordo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: