News Porti

Sicilia, l’appello di Monti al Governo: “Fate ripartire le crociere”

“Il Mezzogiorno non può permettersi di perdere anche le crociere”. Queste le parole di Pasqualino Monti, Presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia Occidentale che comprende i porti delle città di Palermo, Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle che ha deciso di scendere in campo sulla problematica della ripresa delle crociere, tra i pochi settori a non aver ancora riavviato le operazioni dopo lo stop imposto dalla pandemia di Covid-19. “Ulteriori rinvii nel via libera alle crociere annienterebbero la stagione 2020, posticipando alla primavera del 2021 la ripresa di un mercato che sarà condannato a subirà danni, diretti e indotti, insanabili”.

“Ci rivolgiamo in particolare al ministro della Salute, Roberto Speranza – continua Monti – nella convinzione che i ritardi, anche nella definizione di una data per la riapertura dei porti al mercato crocieristico, non siano frutto di una scelta deliberata, bensì una sommatoria di problemi che il ministero della Salute si trova ad affrontare in questa fase di ripresa post emergenza Covid.

Il presidente aggiunge inoltre come i porti Sistema del Mare di Sicilia Occidentale abbiano investito con convinzione nel settore crocieristico avviando un un processo di riqualificazione globale.

“La chiusura di un mercato che vede uno dei player principali, Fincantieri, essere leader mondiale nella costruzione di navi da crociera, non è un bel segnale in termini industriali” conclude – “L’Ad Sp del Mare di Sicilia occidentale, quindi lo Stato, investe anche nella realizzazione di cantieri navali che diano la possibilità proprio a Fincantieri di rispondere ai tanti ordini per la costruzione di nuove navi: è un controsenso, allora, tentennare sulla ripartenza. Correttissimo tutelare la salute pubblica, non risparmiamo protocolli di sicurezza sanitaria a bordo, come è stato fatto a terra, ma facciamo ripartire il mercato”

Quello di Pasqualino Monti è a oggi solo l’ultimo dei tanti appelli degli addetti ai lavori al Governo. A inizio settimana anche Costa ed MSC Crociere hanno fatto pressing sulle istituzioni per velocizzare lo sblocco del settore, fermo ormai da troppo tempo e sul quale gravano decine di migliaia di porti di lavoro. Gli stessi passi sono stati ripercorsi anche dal Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo, Asamar Lazio,l’associazione delle agenzie marittime del Lazio, Venezia Port Community e Assiterminal.

#DDB #Diariodibordo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: